Quando scrivi una lettera a Dio ma lui è un copywriter migliore di te

Christian:

Ave Dio,

Come sai, quaggiù in questo periodo abbiamo questa assurda abitudine di stilare una lista dei propositi per il nuovo anno. Quasi ogni cristiano lo fa, e questo è certo un comportamento virtuoso perché in qualche modo rinsalda il valore della Fede.

Per quanto queste intenzioni che esprimiamo noi esseri umani siano spesso anche nobili, tuttavia nel 99,99% dei casi rimangono purtroppo castelli di carte che crollano di fronte alla prima difficoltà.

Non voglio peccare di superbia, sono anche io vittima di questo meccanismo.

Ed è per questo che quest’anno ho deciso di confidare in te, nella tua magnificenza e grandezza. E voglio chiederti quanto segue in maniera solenne, andando a cesellare il messaggio con le mie migliori parole.

Vado dritto al punto perché so che hai un’intera umanità a cui badare e non ti piace perdere tempo. La mia richiesta è semplicemente questa:

Dio, ti prego, elimina l’alcool dal mondo.

So benissimo che se finora hai trascurato di curare questa piaga è perché avrai altre priorità di cui preoccuparti. E sono certo quando vorrai volgere i Tuoi pensieri a quello che umilmente ti chiedo potrai cavartela con un semplice schiocco di dita.

Insomma, è chiaro che non ti serve il mio aiuto. Ma siccome mi hanno insegnato a dare qualcosa prima di chiedere, ho pensato di affiancare questa mia richiesta al piccolo gesto di stilare per te una sorta di “Strategia in 3 step” per eliminare l’acool dal mondo.

I Tre Step Per Ripulire il Mondo dall’Alcool e Confermarti la più Autorevole Tra le Divinità

1) Che so, potresti far sì che i governi di botto inizino a tassare qualsiasi bevanda contenente anche una singola goccia di alcool.

(Non pensare di non poterlo fare, che tanto quaggiù alle tasse e ai comportamenti dispotici delle classi governanti siamo più che abituati).

2) Dopodiché potresti fare venire un infarto a chiunque iniziasse a distillare e vendere alcool clandestinamente, come facevano ai tempi del proibizionismo.

(So che questo va contro i tuoi Comandamenti, ma se ti focalizzi sui benefici a lungo termine, sai benissimo che se vuoi cucinare una frittata hai bisogno di rompere qualche uovo).

3) Infine potresti manipolare i media ed esagerare le controindicazioni, tappando la bocca a tutti coloro che 

(Dai… non sarebbe certo la prima volta…)

Perché dovresti darmi ascolto?

Ovviamente non mi azzarderei mai a scomodarti per un fine meramente egoistico, ma sono convinto che un mondo senza alcool porterebbe maggiori vantaggi a tutti: all’umanità intera, ma anche e soprattutto a te.

– In primis ci sarebbero meno morti. Non sto qui a riportarti le statistiche di quante persone muoiono ogni anno per qualche birra di troppo. O delle malattie metaboliche direttamente o indirettamente collegate al consumo di alcool.

– In secondo luogo avremmo migliori condizioni di salute, e di questo ne trarremmo vantaggio sia noi che tu. Dopotutto se ci hai creati “a tua immagine e somiglianza”, non credi sarebbe meglio se fossimo più atletici e prestanti, e con valori ematici perfetti?

Se non potremmo mai avere una bella barba bianca come la tua… toglici almeno la panza da birra. 

– Ma soprattutto dovresti eliminare l’alcool dal pianeta Terra perché qui ci sei Tu a capo di tutto. Ed è indubbio che ne avresti un certo ritorno in termini di prestigio, oltre che maggiori gratificazione personale.

Non so se mi spiego.

Pensa a tutte le divinità passate che hanno trascurato la piaga dell’alcolismo.

Ade, Afrodite, Ares…

Plutone, Venere, Marte…

Potresti dire che perfino Apollo, riconosciuto come divinità sia dai Greci che dai Romani, ha fallito nell’obiettivo di eliminare questo male.

E che dire di Dioniso… che era addirittura il dio del vino.

Ma voglio andare oltre…

Molto oltre…

Pensa ad Allah.

Pur essendo una divinità che per bontà e potenza è sicuramente inferiore a Te, è riuscito a depennare gli alcoolici per il periodo del Ramadan.

Che per quanto duri soltanto un mese, è comunque meglio di niente.

Ora io ovviamente non ho le prove per sostenere quello che sto dicendo, ma hai mai pensato che Allah ti stesse semplicemente sfidando a fare meglio?

Ti ha schiaffeggiato con il guanto di sfida, e tu che fai? Gliela vuoi davvero lasciare vinta?

Capisco il discorso di porgere l’altra guancia e tutto quanto, ma io fossi in te lo metterei al suo posto.

Ecco, togliendo l’alcool dal mondo (oltre ai benefici già esposti a vantaggio di noi comuni mortali) dimostreresti una volta per tutte chi sei e faresti piazza pulita di questi Dei impostori. 

Dio, non indugiare oltre!

Se pensi che tutto ciò abbia senso, ti chiedo di provvedere quanto prima – diciamo entro i prossimi tre anni – perché mio figlio di appena 10 mesi possa crescere in un mondo diverso da quello che conosciamo oggi: un mondo con una moralità degna di chi lo ha creato; un mondo più sicuro dagli incidenti stradali e all’insegna di una salute migliore.

Con affetto,

Un tuo suddito.


Risposta di Dio:

Caro Christian,

Un mondo senza alcool non è affatto possibile, e ti spiego in breve i motivi.

– Come dovresti sapere dai tempi del catechismo, sulla Terra ho concesso il libero arbitrio. Era una sorta di esperimento in realtà, e per quanto i risultati sono quello che sono, per il momento non ho affatto intenzione di ritrattare.

Non devo essere io a vietarti di bere, ma sei tu che devi essere forte da non farlo. Come anche essere “a mia immagine e somiglianza”: troppo comodo se fosse una condizione già data e acquisita.

E impegnati un po’, su’.

– Riguardo l’altra leva che hai usato, cioè lo smacco di minare il mio prestigio di fronte alle altre divinità… Beh sappi che qui mi hai fatto proprio incazzare, e inoltre hai dimostrato di essere un pessimo copywriter.

Se avessi anche soltanto iniziato la ricerca del target prima di scrivermi, ti saresti certo imbattuto nella frase che apre i 10 Comandamenti, ovvero:

“Non avrai altro Dio all’infuori di me”.

Pertanto, già che citi Ares, Apollo e quella gentaglia là, significa che al di là di qualche nozione storica che butti lì per abbindolarmi, in realtà si evince che non hai nemmeno capito davvero con chi stai parlando.

Ultima poi chiudo:

Come in tutto, in medio estat virtus. Sì, anche se non mi sta simpatico, devo ammettere che Aristotele aveva ragione: in ogni cosa il comportamento virtuoso è quello che sta nel mezzo, evitando i fanatismi e gli estremi.

Quindi è certo sbagliato sfondarsi di chupiti il sabato sera, ma è altrettanto assurdo auspicare un mondo scialbo come quello che auspichi tu.

Sai quante labbra timide si sono sfiorate dopo qualche bicchiere di vino?

E quante decisioni d’impulso nate dopo aver ordinato una bottiglia pregiata? 

E se anche una misera frazione di queste abbia convertito in un matrimonio (o anche in una qualche forma di amore non ufficializzata), credo che il gioco di stappare una bottiglia sia valso la candela.

Ok, magari qualcuno ne ha approfittato usando il nettare degli Dei per abbattere le inibizioni del partner al solo scopo di ottenere del sesso facile. (Sì, ho detto “nettare degli Dei”, io posso nominarli, ok?)

Tuttavia confido che i benefici di mantenere l’alcool nei supermercati siano superiori a quelli di bandirlo.

Inoltre c’è un ultimo motivo che mi spinge a rigettare la tua richiesta.

Al termine di ogni messa, in tutte le chiese della cristianità, il parroco versa un bicchiere di vino e si bagna le labbra.

Non voglio darti dell’ingenuo, quindi non prendertela per la domanda che ti sto per fare.

Chi credi che detenga le royalties di tutto l’alcool che viene smerciato dal Vaticano in tutte le parrocchie?

Io ovviamente. 

Ora… se tu mi avessi chiesto di togliere il tofu, ne avremmo potuto parlare. Ma capisci che no, proprio non si può bandire l’alcool.

Ah, visto che ormai siamo in confidenza: Alessandro, il bimbo di 10 mesi che adesso credi tra le braccia di Eleonora, è in realtà insieme ad una annoiata baby sitter stra-pagata per queste ore di lavoro straordinario.

Perché Alessandro, che sostieni essere “tuo” figlio è in realtà il figlio di Fernando, quell’idraulico bergamasco che 2 anni fa vi ha sistemato il lavello della cucina…

…E che in questo preciso momento giace in posizione orizzontale MOLTO vicino a tua moglie.

Se prendi un permesso dall’ufficio e torni a casa entro un paio d’ore puoi controllare tu stesso.

Con affetto, Dio.

PS: se per vendetta decidi di provarci con la baby sitter, sappi che lei ci sta (ovvio devi aumentarle la paga). Ma ti do un consiglio: usa un po’ di alcool perché ha bisogno di far finta di essere ubriaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.